fbpx

Changeset

Berlino: la città più amata dai giovani europei. Dove comprare casa?

Qual è la città dei giovani e dei nativi digitali? Londra o New York? Nessuna delle due a dire il vero: sul podio delle città maggiormente apprezzate dai giovani ci sale Berlino, una delle capitali più dinamiche del vecchio continente.

Possiamo partire da questo presupposto, per affermare che pensare di investire nel mercato immobiliare della Germania, potrebbe dimostrarsi un’ottima scelta. Secondo i dati riportati da Scenari Immobiliari, se si esclude il 2016, anno in cui l’aumento dei prezzi delle abitazioni è stato pari al 6,4%, dal 2013 ad oggi ogni anno i prezzi della città sono aumentati sempre a due cifre, da un minimo del 10 ad un massimo del 14,6%.

I prezzi, nel 2019, in alcuni distretti hanno segnato crescite superiori al 10%, come ad esempio a Charlottenburg (+12,5%), Reinickendorf (+16,7%) o Spandau (+15,3%). Mediamente il prezzo di vendita a Berlino è pari a 3.700 euro al metro quadrato, ma in alcuni distretti come a Charlottenburg e Mitte si può toccare la punta dei 13mila euro al metro quadrato. Sia per i prezzi delle nuove residenze, che per quelle esistenti il consuntivo 2018 si è chiuso con una nuova crescita del 12,7%.

Ma parliamo anche di affitti. Negli ultimi dieci anni, a Berlino, i valori a metro quadro sono sostanzialmente raddoppiati. Se ufficialmente si parla di un prezzo intorno ai 9-10 euro a metro quadrato/mese (da questo valore si devono escludere i costi per il riscaldamento), nella realtà sono sempre più frequenti nuove richieste che raggiungono e superano i 15-20€ al metro quadrato/mese, in uno scenario eterogeneo e tendente al costante rialzo. L’andamento può essere anche osservato in relazione all’incredibile impennata dei prezzi di vendita delle case. Dal 2004 a oggi, il prezzo medio di un’abitazione berlinese è cresciuto del 120%. Nel 2017 Berlino è stata la città con la più alta crescita dei prezzi immobiliari al mondo: +20,5%. Il trend dei prezzi dovrebbe essere in salita anche nei prossimi anni.

A questo punto sembrerebbe proprio che l’Asset residenziale, in Germania, possa offrire dei buoni risultati sopratutto a Berlino.

Nel corso degli ultimi 12 mesi, gli investimenti immobiliari a Berlino sono cresciuti del 27%, per un volume totale di oltre 3,8 miliardi di euro, e la tendenza è acquistare per affittare e non per rivendere nel breve periodo.

I proprietari delle case in Germania sono spesso società immobiliari, banche, gruppi finanziari. Solo il 45% dei cittadini ha una casa di proprietà (contro, ad esempio, il quasi 80% degli italiani). Più della metà dei tedeschi vive in affitto e i canoni mensili sono quindi una questione sociale cruciale e scottante.

Di Pierpaolo Molinengo